Fede e luce nelle parole del fondatore Jean Vanier
(dal discorso rivolto al Papa in occasione del Premio Paolo VI)
"Fede e luce è legame non solo tra persone che sono forti, sane, di buona salute, ma legame con chi è più debole, legame con chi è normalmente rifiutato". 
 ...Sapete che un vero incontro, come un vero amore, sta nel saper dare ad un altro la sua libertà, conferire ad un altro la sua dignità umana, prenderlo in considerazione, apprezzarlo e vedere in lui la sua bellezza il suo valore. E' per questo che amore significa dare all'altro la sua dignità e rivelargli anche quali sono le sue capacità. Si tratta, per ciascuno di noi, di fare la pace là dove siamo, di portare insieme pesi e difficoltà, di incoraggiarsi e sostenersi a vicenda, di portare l'amore là dove viviamo.
Non possiamo fare questo da soli ma lo facciamo con Gesù che ci dice: "non temere io sono con te". Molti uomini e donne che abbiamo accolto nelle nostre 105 comunità, distribuite in 30 Paesi, prima di arrivare all' "Arche" avevano un'immagine negativa di se stessi. Vivevano in un'assenza totale di fiducia in sé, inconsapevoli della loro personale dignità, del loro valore umano e del significato della loro vita. Una volta accettati, quando si avvedono di essere rispettati e amati, molti vivono una vera trasformazione. Lentamente passano dal caos alla vita.
Questa rivelazione avviene attraverso gli occhi, le mani, il tono della voce, attraverso tutti i gesti quotidiani del corpo. Avviene attraverso una qualità d'ascolto, di presenza e di pedagogia nella fedeltà e nel tempo. Questa attenzione benevola a poco a poco diventa comunione dei cuori, infatti perfino la persona con un handicap grave risponde all'amore con l'amore. La comunione è diversa dalla generosità. Nella comunione c'è una reciprocità di relazione, un andare e venire dell'amore; ognuno dà e ognuno riceve. Ognuno è in ascolto dell'altro e diventa vulnerabile davanti a lui.
La comunione non è né fusione, né controllo, né potere, né possesso. E' una relazione di fiducia reciproca, basata su una condivisione non sola dei valori di ciascuno, ma anche delle sue povertà e dei suoi limiti, essa trasforma l'immagine ferita e deprimente della dignità, dandogli speranza e una ragione di vita.
 
Questa comunione implica la comunicazione.
Molte persone con un handicap mentale non sanno né parlare né usare concetti. Comunicano con tutto il loro corpo.  Si tratta di capire i loro desideri, le loro sofferenze e le loro gioie attraverso i loro gridi, i loro gesti, i loro sorrisi, le loro lacrime, anche attraverso la violenza.
Il Verbo si è fatto carne perché la carne diventi parola.
Si deve saper leggere o decodificare questo linguaggio non verbale, come una madre decodifica il grido del suo bambino. Si deve capire la persona che soffre.
Per questo, talvolta, si ha bisogno dell'aiuto degli psicologi e dei professionisti.
Questa comunione è il fondamento di ogni vera crescita umana e di ogni pedagogia. La comunione si realizza nel bambino nella sua relazione con i genitori, e precede e favorisce il destarsi della ragione. La comunione è il luogo di guarigione dei cuori chiusi nello sconforto della malattia mentale, dell'alcolismo, della vecchiaia, di tutti gli uomini e di tutte le donne che si sentono oppressi da una forma di povertà materiale o umana. La comunione è al centro della vita delle persone con un handicap mentale, che non arriveranno mai al pieno sviluppo della loro intelligenza e della loro autonomia, ma che possono raggiungere una vera maturità del cuore".
 
Se conosci un ragazzo disabile e pensi che voglia "riempire di fiori" la nostra strada… O ancora se conosci un amico che voglia stringere un nuovo ed intenso legame d'amicizia con i nostri ragazzi... Incontraci presso la parrocchia.
Responsabili di comunità: Paola Tricarico (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e Massimo Giordano (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Informazioni più dettagliate sul sito www.fedeeluce.it



Vai all'inizio della pagina